Attenzione!

Questo articolo è stato pubblicato nel 2016, le informazioni contenute potrebbero quindi non essere aggiornate.
Se avete dubbi lasciate un commento in fondo all'articolo.

WP Maintenance Mode – Sito in Modalità Manutenzione

Perchè mettere in Manutenzione il proprio Sito?

Prima di un aggiornamento grafico, di un aggiornamento importante dei contenuti o dell’integrazione di qualche plugin che potrebbe compromettere il funzionamento dell’intero portale o necessitare di aggiustamenti ad hoc sul codice conviene fare in modo che gli utenti non possano raggiungere il Sito.
Per ottenere questo risultato, informando l’utente che il sito sarà presto nuovamente Online e magari lasciando le informazioni più importanti ben in vista è utile utilizzare la Modalità di Manutenzione.

Installare WP Maintenance Mode

Normalmente quando possibile sconsiglio sempre di eccedere con l’uso di plugin, vale sempre la regola per cui meno sono più il sito sarà fluido e si eviteranno conflitti nei codici. Tuttavia in questo caso si tratta di un plugin che “spegne” il resto del sito, che può essere tranquillamente disattivato quando non utilizzato ed estremamente utile ed efficiente.

Dopo aver provato diverse alternative l’unico che mi sento di consigliare senza problemi è WP Maintenance Mode, che offre veramente tantissime opzioni e una configurazione estremamente rapida. Potete scaricarlo dalla pagina del plugin WP Maintenance Mode o direttamente dall’installatore di plugin di WordPress.

Configurare WP Maintenance Mode

Una volta installato il plugin, potremo passare a configurarlo seguendo il percorso Impostazioni -> WP Maintenance Mode nel quale troveremo 3 schermate:

  1. General
  2. Design
  3. Modules

Schermata General

La schermata General ci fa scegliere le impostazioni di base sul funzionamento del plugin, nello specifico:

  • Status: per decidere se WP Maintenance Mode deve essere o meno attivato.
  • Bypass for Search Bots: opzione che apprezzo molto, permette di decidere se segnalare ai motori di ricerca il resto del sito o, nel caso stessimo stravolgendo la struttura o cambiando completamente intere sezioni, decidere di nasconderlo anche a loro.
  • Backend Role: permette di decidere chi può accedere al backend del sito, può capitare che quando il programmatore deve mettere mano ai codici voglia evitare di permettere ad altri utenti di scrivere e pubblicare nuovi contenuti.
  • Frontend Role: così come per il backend, è possibile scegliere quali utenti vedranno il Sito anche durante la Modalità di Manutenzione e quali invece saranno rimandati alla pagina di avviso creata da WP Maintenance Mode.
  • Robots Meta Tag: permette di decidere se lasciare indicizzare o meno la pagina di Manutenzione del sito.
  • Redirection: una volta che un utente ha effettuato il login sul sito si può scegliere di reindirizzarlo ad una determinata URL
  • Exclude: permette di scegliere un elenco di pagine, sezioni e quindi parti di sito non affette dalla Modalità di Manutenzione, opzione che reputo estremamente utile, sopratutto su grossi portali.
  • Notice: puoi scegliere se avere un banner che ti avvisa del fatto che la Modalità di Manutenzione è attiva sul tuo Sito o meno mentre lavori nel beckend, così da evitare di scordarsi di disattivarla finiti i lavori sul Sito.
  • Dashboard link: permette di scegliere se aggiungere o meno un link alla Dashboard direttamente sulla Pagina di Manutenzione.
About Davide Gavazzi 11 Articoli
Davide Gavazzi, appassionato di SEO, SEM, Social Media Marketing e Web Design. Si occupa di Web dal 2012 creando e gestendo siti, Social, Pubblicità e tutto ciò che riguarda l'Online.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*